AW Logo
A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z Ricerca - Dizionario
Cerca: in:

per:

AW BLOGS

NOTIZIE

ARTICOLI

NORMATIVA

PREZZARIO

DIZIONARIO

REPERTORIO

DOWNLOAD

AW LINKS

SONDAGGI

CALENDARIO

AW DIZIONARIO

:: Torna all'indice Dizionario







DIZIONARIO - RISULTATO DELLA RICERCA

Risultato della ricerca per: (Tutti i documenti) - Nella categoria: Edilizia e Normativa

     Pagina: 1 di 16
157 - Corrispondenze trovate ( 1-10 )


    abitabilità Edilzia e Normativa 

abitabilità - abitabilità s. f. [der. di abitabile]. - Insieme delle condizioni che rendono praticamente abitabile un ambiente, un edificio: mantenere lo stabile in condizioni di a.; in partic., licenza di a.. Caratteristiche di un edificio determinate dalle leggi sanitarie e dai regolamenti comunali (Regolamento d'igiene) in rapporto alla sua destinazione d'uso. La riscontrata presenza delle caratteristiche di abitabilità (se si tratta di edifici residenziali) o di agibilità (se ad altra destinazione) viene certificata mediante il rilascio di apposita licenza o certificato, previo sopralluogo da parte degli uffici comunali (art. 4, u.co. della legge 493/1993). ll provvedimento è sottoscritto dal sindaco e da questi può essere successivamente revocato quando vengano a mancare le condizioni igienico-sanitarie dapprima sussistenti. L'occupazione e l'utilizzazione di un edificio, o sua porzione, prima del rilascio della licenza di abitabilità o agibilità costituisce reato, ai sensi dell'art. 221 TU leggi sanitarie.

    abuso Edilzia e Normativa 

abuso - abuso comportamento contrario alle norme di legge e di regolamento, alle prescrizioni degli strumenti urbanistici ed alle modalità esecutive fissate nella concessione o nell'autorizzazione. La materia è stata integralmente rielaborata dalla L. 28 febbraio 1985 n. 47 (più nota come «legge sul condono»), il cui art. 2 abroga espressamente le norme precedentemente in vigore, ossia l'art. 32 della L. 1150/1942 e gli artt. 15 e 17 della L. 10/1977. In termini concreti, l'abuso edilizio consiste nella realizzazione di opere prive di concessione, o in totale o parziale difformità dalla stessa, o con variazioni essenziali rispetto ai progetti approvati, ovvero senza autorizzazione od in difformità. Devono considerarsi altresì abusive le opere realizzate sul presupposto di una concessione poi annullata o dopo l'intervenuta decadenza della stessa. Costituisce ipotesi gravissima di abuso - che potrebbe addirittura definirsi «urbanistico» anziché edilizio - la lottizzazione di terreni a scopo edificatorio in assenza dell'autorizzazione alla lottizzazione medesima (si veda, in proposito, la voce Piano di lottizzazione). A termini dell'art. 6 della citata L. 47/1985, responsabili dell'abuso edilizio possono essere il titolare della concessione, il committente, il costruttore ed il direttore dei lavori, i quali sono tenuti al pagamento delle sanzioni pecuniarie e solidalmente alle spese per la demolizione del manufatto abusivo, salvo che dimostrino la personale estraneità al fatto.

    Accessibilità Edilzia e Normativa 

Accessibilità - Si intende la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l'edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruirne spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia. Essa esprime il più alto livello di qualità dello spazio costruito, in quanto consente la totale fruizione nell'immediato. - Riferimento: barriere architettoniche - (D.M. 236/1989)

    Accordo Edilzia e Normativa 

Accordo - Accordo di programma - Atto amministrativo, istituito con legge 142/1990, promosso da Presidente delle Regione, dal Presidente della Provincia o dal Sindaco, e sottoscritto da tutti gli enti pubblici interessati alla definizione e alla realizzazione integrata e coordinata di opere, interventi o programmi di interventi. Qualora l'oggetto dell'accordo di programma sia in contrasto con gli strumenti urbanistici vigenti, esso ne costituisce variante, che in ogni caso deve essere approvata dal Consiglio comunale del Comune interessato, a pena di decadenza (vedi D.Lgs. 267/2000).

    Acronimo Edilzia e Normativa 

Acronimo - Acronimi dei principali strumenti urbanistici

P.R.G. - Piano Regolatore Generale
P.R.G.I. - Piano regolatore generale intercomunale
P.R.C. - Piano Regolatore Comunale
P.U.C. - Piano Urbanistico Comunale
P.U.T. - Piano urbano del traffico

P.E.E.P. - Piano di zona per l'edilizia economica e popolare
P.P. - Piano particolareggiato
P.L. - Piano di lottizzazione

P.I.P. - Piano per gli insediamenti produttivi
P.A.I. - Piano di bacino
P.G.T. - Piano di governo del territorio
P.A.T. - Piano di Assetto del Territorio
P.A.T.I. - Piano di Assetto del Territorio Intercomunale
P.I. - Piano degli Interventi
P.T.R.C. - Piano Territoriale Regionale di Coordinamento
P.T.C. - Piano territoriale di coordinamento
P.T.C.P. - Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale
P.U.T. - Piano urbanistico territoriale
P.R.U.S.S.T. - Programma di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio
P.I.I. - Programma integrato di intervento
P.P.A. - Programma pluriennale di attuazione
P.U.A.D. - Piano di utilizzo delle aree demaniali
P.R.A.E. - Piano regionale delle attività estrattive

V.A.S. - Valutazione ambientale strategica
V.I.A. - Valutazione d'impatto ambientale
S.I.C. - Sito di interesse comunitario
Z.C.S. - Zona Speciale di Conservazione
Z.P.S. - Zona di Protezione Speciale

D.I.A. - Dichiarazione di inizio attività
S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività
P.d.C. - Permesso di Costruire
C.I.L. - Comunicazione di Inizio Lavori

C.d.S. - Codice della Strada (D.L. 285/92)
P.U.A.D. - Punto Unico di Accesso per le persone con Disabilità
I.G.M. - Istituto Geografico Militare


    Adattabilità Edilzia e Normativa 

Adattabilità - Si intende la possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo completamente ed agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria e sensoriale. Essa rappresenta un livello ridotto di qualità, potenzialmente suscettibile, per originaria previsione progettuale, di trasformazione in livello di accessibilità. L'adattabililità è, pertanto, un' accessibilità differita. Negli edifici residenziali unifamiliari ed in quelli plurifamigliari privi di parti comuni, è sufficiente che sia soddisfatto il solo requisito dell'adattabilità. Ogni unità immobiliare, qualunque sia la sua destinazione, deve essere adattabile per tutte le parti e componenti per le quali non è giaà richiesta l'accessibilità e/o la visitabilità, fatte salve le deroghe consentite dal D.M. 236/1989. - Riferimento: barriere architettoniche - (D.M. 236/1989)

    Adeguamento Edilzia e Normativa 

Adeguamento - L'insieme di opere finalizzate a migliorare le condizioni igieniche di una costruzione anche attraverso la realizzazione o l'integrazione degli impianti tecnologici o per rendere l'edificio idoneo a resistere alle azioni sismiche.
L'insieme dei provvedimenti necessari a rendere gli spazi costruiti o di progetto conformi ai requisiti del D.M. 236/1989 - Riferimento: barriere architettoniche.

    Agibilità Edilzia e Normativa 

Agibilità - Atto amministrativo emanato dal Sindaco, ai sensi del combinato disposto degli artt. 220 e 221 del R.D. 1265/1934 e dell'art. 4 del D.P.R. 425/1994, con cui, sulla scorta del parere dell'Ufficio tecnico comunale e dell'ufficiale sanitario, si certifica la rispondenza della costruzione al progetto approvato ed alle norme igienico-sanitarie e se ne autorizza l' occupazione ad uso diverso da quello abitativo (produttivo, commerciale, etc...).
VEDI ABITABILITA'

    Alienare Edilzia e Normativa 

Alienare - Trasferire il diritto di proprietà in seguito ad atto di compravendita, donazione, espropriazione, etc...

    Alloggio Edilzia e Normativa 

Alloggio - (appartamento) - Per alloggio o appartamento si intende un insieme di vani ed annessi o anche un solo vano utile, situati in una costruzione permanente o in parti separate, ma funzionalmente connesse di detta costruzione e destinati ad uso di abitazione per famiglia. L'alloggio deve avere un ingresso sulla strada (direttamente o attraverso un giardino, un cortile, ecc.) o su uno spazio comune all'interno della costruzione (scala, passaggio, ballatoio, ecc.). - (C.M.LL.PP. 1820/1960)




     Pagina: 1 di 16
157 - Corrispondenze trovate ( 1-10 )

Pagine successive: 15 - Altre corrispondenze : 147



AW BLOGS

NOTIZIE

ARTICOLI

NORMATIVA

PREZZARIO

DIZIONARIO

REPERTORIO

DOWNLOAD

AW LINKS

SONDAGGI

CALENDARIO



          



  2011 - ArchitetturaWeb Studio | Arch. Pier Paolo Salsano
  Ultimo aggiornamento: 20/03/2016 18:55:26

  Sito ottimizzato per: IE FF GC AS OP (1024x768 o sup.)
Visite pagina

  
Utenti Online